Ana səhifə

Gradinata sud


Yüklə 103.04 Kb.
tarix11.05.2016
ölçüsü103.04 Kb.
1

GRADINATA SUD



(Commedia brillante in tre atti di Giovanni De Moliner)
GIUANIN FERRARI - (Sampdoriano senza pari)

Sua Moglie MARILENA - (Genoana in pena)

Sau figlia CHIARA - (Genoana…amara)

Il suo ragazzo FORTUNATO - (Sampdoriano…in anonimato)

Sua Suocera OSVALDA - (Presidente della confraternita di Santa Benarda)

SUOR LEONICE - (Madre postulatrice)

SERAFIN - (Amico e vexin)

BEATRICE - (vicina “gabibba” e sognatrice)

LEONARDO INVASATO - (Responsabile del tifo blucerchiato organizzato)

TIGROTTO DUE –

TIGROTTO TRE –

LA SCENA
Un giorno di metà settimana nel mese di giugno di un anno vicino a noi.



E’ il soggiorno della casa d Giuanin Ferrari.

C’è un tavolo sul fondo al centro con quattro sedie intorno, un divanetto e/o 2 poltrone nell’angolo di sinistra della scena verso la platea, con davanti un tavolinetto piccolo sul quale sono poggiati giornali sportivi di ogni tipo, un attaccapanni nell’angolo di destra verso la platea.

Ci sono due entrate: una a destra che da verso l’esterno e una a sinistra che da verso le altre stan-

ze della casa.

Ovunque, ai muri, stemmi, sciarpe e emblemi del Genoa, fatta eccezione per un microbico gagliar-

detto della Sampdoria quasi nascosto in un angolo.

All’apertura del sipario, Serafin è seduto su una delle due poltrone vicino al tavolino, mentre Giuanin è in piedi di fronte a lui con un biglietto in mano. Sul tavolino c’è un bicchiere pieno e Se-

rafin ne ha un altro in mano.

PRIMO ATTO


1 – GIUANIN – (E’ un uomo sulla sessantina. Agitatissimo, sventola con foga il biglietto che ha in mano) “Gradinata sud…!!!” (Grida esaltandosi a Serafin ) “Gradinata sud…!!!!” (Ripete ancora quasi con furia. Si sporge verso l’amico) “Capiscime, Serafin…” (Lo apostrofa: poi, agitando con-

vulsamente le braccia con una smorfia di esultanza eccessiva) “U l’è ou….!!!!!!”

2 – SERAFIN – (E’ più o meno suo coetaneo. E’ seduto sulla poltrona più defilata con in mano un bicchiere di vino bianco. Solleva disincantato lo sguardo verso Giuanin) “Giuanin…” (Lo apostro-



fa: con sconsolata ovvietà) “A mi u me paa sulu in toccu de papee…!”

3 – GIUANIN – (Trasale: con enfasi) “In toccu de papee…?!?!?” (Lo apostrofa in malo modo: si sporge verso di lui) “Amilu ben…amilu…” (Sbraita sventolandogli ancora il biglietto sotto il naso) “E stu chi…” (Si rialza: indicandogli il biglietto) “…a ti…u te paa sulu in toccu de papee…?!?!?”

4 – SERAFIN – (Lo guarda di sghimbescio: sornione, fissa per un lungo istante il biglietto. Serio)
2

“Tie raxiun…!!” (Lo apostrofa. Poi, mentre Giuanin si illumina in un largo sorriso, sentenzia con falsa serietà) “U l’è in toccu de papee culurou…!!”

5 – GIUANIN – (Trasale ancora, gli muore il sorriso sulle labbra) “Nu ti capisci ninte, eccu…!!” (Sentenzia stizzito, scattando nervoso verso il centro scena. Si blocca: impettito e solenne) “Serafin.

…” (Indica nuovamente il biglietto) “U l’è u bigettu pe u derby de dumenega…!!” (Si avvicina len-



tamente al tavolino) “U derby cu sentensiaa u mumentu solenne du SECUNDU…” (Scandisce le parole, sotolinenadole alzando il tono della voce) “…SCUDETTUUUU….” (Rimarca ancora di più la parola portando il tono della voce al diapason) “…da storia blucerchiata e SUVIATUTTU

….” (Alza ancora la voce per sottolineare la parola, gesticolando come un forsennato, poi, con aria solenne) “….a retrucesiun de quel’atra rumenta ca se definisce squaddra in ta serie che ghe cumpete..” (Fa una pausa: con aria marziale) “A serie B…!!!”

6 – SERAFIN – (E’ rimasto a guardarlo interdetto. Fa una smorfia: con stupore) “Ostia…!!!” (Commenta fra se ma a voce sufficientemente alta perché Giuanin lo senta) “Pezu che ‘n preve d’en sciu purpitu…!!”

7 – GIUANIN – (Non lo considera: prosegue imperterrito il suo delirio calcistico) “E a nostra miti-

ca….unica…grande Sandoia….” (Si infervora) “Prunta a riafaciase au prosceniu da Champions Lea

gue…” (Rabbioso, scatta nel gesto dell’ombrello) “A-a faccia de quelli marsummi che sceuppen de bile…!!!!”

8 – SERAFIN – (Sorseggia il suo bianco, osservando con scarsa partecipazione le evoluzioni di Giuanin) “Scusa in po. …” (Obbietta poco convinto) “Ma se sun tutte due squadre de Zena, nu saiei

va bellu che fissen tutte due in serie A…?!?!?” (Prova ad argomentare) “Almenu…”

9 – GIUANIN – (Trasecola) “NU…!!!!” (Lo interrompe categorico) “A Zena gh’è ‘na sula…gran-

de…unica…mittica squadra…” (Ripete con aria mistica: si avvicina alla parete dov’è appeso il pic



colo gagliardetto blucerchiato) “A Sandoia …!!!” (Sentenzia drastico. Bacia il gagliardetto: anco-

ra categorico, girandosi di scatto verso Serafin) “A rumenta….” (Fa un gesto tassativo con le brac

cia) “…a nu cunta…!!”

10 – SERAFIN – (Manda giù un altro sorso di vino bianco: sogghigna sornione) “Viamenti…” (In-



dica le pareti drappeggiate con i colori del Genoa) “Me paa ca cunte e cumme…!!”

11 – GIUANIN – (Si porta una mano al viso) “Nu stamme a dii ninte…!!” (Ripete affranto) “Nu stamme a dii ninte…!!!!” (Stizzito, sena dar tempo a Serafin di replicare) “Se n’aprufitten perché sun in magiuransa…” (Poi, contando con le dita) “Mugee e figgia…” (Fa una smorfia di profondo disgusto) “…venduti al nemico…!!!” (Fa una pausa, scuote affranto la testa. Poi si riprende) “Ma dumenega seia….” (Tronfio) “…scatta a reiza di cunti….!!!!”

12 – SERAFIN – (Finisce il suo Bianco, posa il bicchiere sul tavolino) “Ma mi…” (Obbietta. Fa una smorfia: poco convinto) “Se tiu dixi ti….” (Allarga leggermente le braccia) “…saià..!!”

13 – GIUANIN – (Sempre più accanito) “Nu l’è…” (Scimmiotta l’amico) “…saià…!!” (Tassativo) “A l’è cuscì….” (Sentenzia: indicandosi, categorico) “Tou diggu mi…!!!” (Si infervora: senza la-



sciare il tempo a Serafin di ribattere, in trance calcistica) “E quande dumenega seia…” (in estasi, volgendo lo sguardo al cielo) “…sciortiemu da Marasci cun u scudettu in ta stacca…” (Si gira di scatto verso Giuanin: feroce) “…doppu avei suterou quelle rossue sutta na valanga de gol…” (Si gira nuovamente: ancora in estasi) “Poriemu criaa finalmente a tutta vuxe…” (Fa una breve pausa: con rabbia, agitando un pugno verso il malcapitato Serafin) “SERIE “B”….SERIE “B”….!!!”
Serafin, sconcertato, si passa una mano sul viso scuotendo mestamente la testa con un sorriso di tri

ste compatimento.

In quel momento, sull’urlo di Giuanin, fanno il loro ingresso da destra Marilena, la moglie di Giua

nin, e la loro figlia Chiara. Entrambe sono fasciate nei vessilli del Genoa.

3

14 – MARILENA – (Entra per prima da destra: è fasciata in una vistosa bandiera rossoblu che le copre le spalle. Sente l’urlo belluino di Giuanin: si blocca a centro scena. Decisa e autoritaria, al-



le spalle del marito) “Amia, frenguellu…” (Lo apostrofa malamente) “…che a partia a zeughen du-

menega…!!!” (Tassativa, piazzandosi quasi sull’attenti, mani sui fianchi) “Pou mumentu…” (Si gi-



ra su un fianco: indicandogli l’uscita di destra agitando una mano) “Vanni in poo a cantaa in sce n’atra carassa…!!”

15 – GIUANIN – (Si è girato lentamente verso di loro non appena sono entrate in scena) “Tou chi, mia…!!” (Commenta con insofferenza) “Serafin…” (Apostrofa l’amico) “Danni in poo na telefunaa in Scarpin…” (Indicando con sdegno moglie e figlia) “Che chi gh’è da rumenta da portaa via…!!!”

16 – CHIARA – (E’ entrata alle spalle della madre e si è fermata subito dietro di lei: stizzita) “O papà…” (Apostrofa Giuanin: sopravanza Marilena avvicinandosi al padre) “Guarda che qui di ru-

menta da portar via…” (Feroce, agitandogli vorticosamente un dito sotto il naso) “…c’è quella blu-

cerchiata e basta, sai…!!!”

17 – GIUANIN – (Le rivolge un sorriso ironico) “Chiara…” (La apostrofa quasi mellifluo) “Tie mee figgia…” (Gli fa una tenera carezza su una guancia) “Tie a luxe di mee euggi…” (Fa una bre-



ve pausa: cambia di colpo atteggiamento. Feroce) “Ma se nu ti te levvi ‘stu strasun de dossu…” (A

gita malamente la sciarpa che Chiara ha al collo: tassativo) “…zu-u che t’amassu…!!!”

18 – MARILENA – (Ostentando preoccupazione) “Giuanin…!!!”

19 – GIUANIN – (Distrattamente, volgendo lo sguardo verso di lei) “Ouh…!!”

20 – MARILENA – (Sempre con falsa preoccupazione) “Ti te l’ee disinfetee e man primma de tucaa teu figgia…?!?!?”

21 – GIUANIN – (Incassa il colpo. Esita un attimo poi, ancora feroce) “Marilena…” (Ribatte sibil-

lino) “Ti se nu ti fisci a mue de mee figgia t’avieva za amassou d’an toccu…!!” (Fa una breve pau-

sa, poi, senza dare a Marilena il tempo di ribattere) “In quante a disinfetta…” (Sentenzia) “…viatri Genoani biseurieiva mettive a baggnu in tu DDT e lasciaveghe trei dì…!!”

22 – CHIARA – (S’infervora a sua volta) “Guarda. eh…!!” (Lo apostrofa alzando nuovamente in alto il dito accusatore) “Che il Genoa è stato la squadra di Levratto…di De Vecchi…di Verdeal….

di Abbadie…!!”

23 – GIUANIN – (Si gira verso di lei) “De Mazzini…de Garibaldi…” (La scimmiotta imitandone il tono perentorio della voce e alzando un dito accusatorio) “De Cavour…de l’ommu de caverne…!!”



(Con una scrollata di spalle, ilare) “L’urtimu scudette che ei guagnu…” (Le deride: spalancando platealmente le braccia) “Zeugaven ancun cun u balun de pria…!!”

24 – MARILENA – (Trasale: risentita) “Sci…sci…” (Ribatte acida) “Megiu viatri che ve sei missi insemme in ta due pe faa na loffa…!!”

25 – GIUANIN – (Trasale a sua volta) “Donna…” (Esplode: avanza minaccioso verso Marilena) “Pe teu norma e regula…” (Gli ringhia sul naso) “…u nostru scudettu u l’è datou millenovecentono

vantantadue….” (Sottolinea la parola pronunciandola in Italiano e sillabandola quasi) “…e nu milleeutusentunovantedui…” (Rincara con aria dispregiativa) “E l’emmu guagnu…”

26 – CHIARA – (Lo interrompe: con un ghigno beffardo) “Perdendo di brutto il derby…!!” (Con un sorriso di beffarda soddisfazione) “Papino…te lo ricordi Branco….?!?!?”

27 – GIUANIN – (Scrolla le spalle: perentorio, sentenzia) “Parigi val bene una messa…!!”


In quel momento, da sinistra si ode lo squillo del telefono
28 – SERAFIN – (Che si sta godendo la scena comodamente seduto accanto al tavolino, con voce moderata, alzando timidamente una mano) “Giuanin…telefunu…!!”

29 – MARILENA – (Non lo considera: a Giuanin, con rabbia) “E duman ghe n’è un-a pe viatri de messa…” (Strepita a tutta voce: poi, allungandosi verso di lui ed abbaiandogli quasi in faccia) “Fu

nebre…!!!!”

Il telefono continua imperterrito a suonare

4

30 – SERAFN – (Alza desolato gli occhi al cielo: a voce più alta, portandosi una mano aperta a lato della faccia a mo di amplificatore) “Telefunuuuu….!!!!!!”


Nessuno lo considera: la diatriba calcistica è ormai avvampata.
31 – GIUANIN – (Sempre più infervorato) “Marilena…” (Apostrofa in malo modo la moglie) “Fin-a a preua cuntraia finoua a cascia da mortu ve l’emmu feta a viatri…” (Fa una breve pausa: senza

dare tempo alle due donne di ribattere, d’impeto) “Perché a Zena gh’è sulu ‘n’unica grande squad-

dra….” (Si avvicina al gagliardetto della Sampdoria, gli da un bacio veloce quanto appassionato) “Quella blucerchiata…!!!!”


Il telefono continua a suonare imperterrito.
32 – SERAFIN – (Sbuffa pesantemente: scattando in piedi come una molla e mettendosi entrambe le mani ai lati della bocca come amplificatore, con quanta voce ha in corpo) “TELEFUNUUUUU

UUUUUU……!!!!!!!!!”


Questa volta il richiamo di Serafin giunge a segno: Giuanin, Marilena e Chiara si bloccano e zitti-

scono tendendo tutti l’orecchio verso sinistra da dove continua ad arrivare il suono del telefono.

E’ Giuanin a muovere per primo
33 – GIUANIN – (Sbuffa pesantemente) “E cosu l’eu ‘stu chi….” (Sbotta. Muove verso sinistra: prima di uscire) “Scumettu cu l’è in Genoano…!!!”

34 – CHIARA – (Scatta a sua volta verso sinistra. Inseguendo Giuanin con la voce, prima di uscire a sua volta gesticolando nervosamente) “E non può essere altro di sicuro…” (Urla a piena voce) “...perché Genova…è solo rosso blu…!!!!”

35 – MARILENA – (Perentoria, a Chiara) “Oua ben…!!!!” (Scattando a sua volta verso sinistra, prima di uscire) “Digghelu in poo a quellu gabibbu de teu pue…!!!”

36 – SERAFIN – (A Marilena che non lo considera minimamente, intanto che esce da sinistra) “Ma

rilena…” (Prende il bicchiere vuoto dal tavolino: allungandolo disperatamente verso l’uscita di si-

nistra, quasi ad inseguirla).”….ti ghe l’avieisci miga ancun in gusin de giancu…??!?”
Il suono del telefono cessa all’improvviso.

La scena rimane ferma per alcuni istanti con Serafin a guardare desolato verso l’uscita di sinistra.

Poi Giuanin si scuote.
37 – SERAFIN – (Si scuote) “Boh…!!” (Bofonchia fra se: guarda desolato il bicchiere vuoto che ha in mano, fa spallucce) “Oriaa dii che me servioo da sulu…” (Allargando le braccia, con desola-

zione) “Cumme sempre…!!!” (Muove un passo verso sinistra, si ferma. Rimane un attimo medita-

bondo, reggendosi il mento con la mano. Poi, perplesso, alla platea) “Na cosa nu resciu a capii…”

(Si chiede: allargando le braccia, desolato, prima di uscire a sua volta da sinistra) “Cumme se fa a esse cuscì scemmi deree a vintidui cugiuin che curen apreu a ‘na balla…!!!!”
La scena rimane vuota per qualche attimo, poi, da destra fa il suo ingresso in scena Fortunato, il fi

danzato di Chiara.
38 – FORTUNATO – (DA FUORI A DESTRA) “L’è permissu…?!?!?” Gh’è nisciun in casa…?!?”

(Entra in scena lentamente, guardandosi in giro con fare circospetto) “Marilena…Chiara…ghe sei..…?!?!?” (Chiama a tutta voce, fermandosi poco oltre l’entrata. Aspetta qualche attimo una rispo

5

sta che non arriva, poi fa una smorfia) “Boh…!!” (Commenta fra se a mezza voce) “Chissà unde sun anete a sbatte, quelle due…!!” (Avanza a piccoli passi fino a centro scena: si ferma, si guarda in giro. Fa una smorfia sofferta, di profondo disgusto) “Beuh….!!!!” (Poi, stizzito) “Tutte e otte che intru chi dentru…” (Allarga le braccia indicando l’ambiente circostante) “….me s’agruppa e bele !

!” (Va verso la parete tappezzata di insegne rossoblu: con odio) “Mia in poo se me tucca veddime in giu tutte ‘ste pitue de guera…” (Volta lo sguardo verso l’angolo dove c’è il minuscolo gagliardet

to blucerchiato: s’illumina) “E a mee Sandoia infiaa in te n’angulin…” (Si incammina verso il ga-

gliardetto appeso) “Perennemente in castigu…!” (Si ferma davanti al gagliardetto: la sua espres-

sione da suadente si fa feroce) “Nu l’è giustu…!!!” (Sbotta. Bacia il gagliardetto: deciso) “Ma nui semmu forti…” (Declama quasi. Bacia di nuovo il gagliardetto: solenne, a voce alta, alzando un pugno in aria) “E vinceremo….!!!!!”
In quel momento, da sinistra, rifà il suo ingresso in scena Serafin.
39 – SERAFIN – (Rientra da sinistra: ha in mano il bicchiere nuovamente pieno: Vede Fortunato in contemplazione davanti al muro del tifo, scrolla le spalle) “Teh…!!!” (Lo apostrofa) “Tou chi l’atru bezugu…!!!”

40 – FORTUNATO – (Trasale: si gira di scatto trafelato) “Ohimè mi…!!!” (Geme quasi: indivi-



dua Serafin, si rilassa) “Se…Serafin…” (Emette un lungo respiro rilassante) “Bungiurnu…!!”

41 – SERAFIN – (Si avvia verso il tavolino: lo saluta) “Ciao, Fortunato…!! Nu stame a dii…” (Lo canzona) “…che tie n’atru de quelli invexendee in tu balun, eh…!!”

42 – FORTUNATO – (Di getto, perentorio, senza pensare) “Sci…!!!” (Vede l’espressione canzona

toria che si dipinge sul viso di Serafin: si corregge) “Nu…!!!” (Serafin lo guarda interdetto: alzan.

do gli occhi al cielo, dolente, avvicinandosi a sua volta al tavolino) “Orieiva…!!!!”

43 – SERAFIN – (Si è seduto: sorseggiando il suo bianco, interdetto) “Cumme saieiva a dii, scusa..

…??”

44 – FORTUNATO – (Si avvicina al tavolino) “Saieiva a dii…” (Allarga leggermente le braccia: in imbarazzo, sedendosi a sua volta al tavolino) “Saieiva a dii che qualche otta me saieiva cau an-



che a mi anaa a vedde ‘na partia, ma….”

45 – SERAFIN – (Lo interrompe) “E alantun…” (Allarga leggermente le braccia: con scontata ov-



vietà) “…vanighe, nu…?!?!?”

46 – FORTUNATO – (China la testa: affranto, con un filo di voce) “Nu possu…!!”

47 – SERAFIN – (Sconcertato) “E perché mai, scuza….?!?!?” (Fa una breve pausa, aspettando una risposta che non arriva) “Dumenega gh’è u derby….” (Insiste) “Zena – Doia…!!!” (Si acca-

lora) “Mi in paa de otte ghe sun anetu…” (Racconta infervorato) “U l’è in spetaculu…gh’è de co-

reografie de due gradinate che sun ecessiunali…!!!”

48 – FORTUNATO – (Mogio, con un filo di voce) “E u so ben cu gh’è, vanni…!!” (Alza gli occhi verso l’interdetto Serafin) “Chi…” (Fa un giro circolare del braccio ad indicare l’ambiente circo-

stante) “…ghe va tutta a famiggia…!!!”

49 – SERAFIN – (Non capisce: stupito) “Apuntu…!!!” (Rimarca) “Vanighe anche ti, nu…?!?!?” (Convinto) “Tantu ciù che a Chiara….”

50 – FORTUNATO – (Lo interrompe) “Serafiiiinnn….!!!!!” (Con veemenza) “A Chiara….” (Agi-

tando convulsamente le mani) “….a l’è da l’atra parte…!!!!!!”

51 – SERAFIN – (Capisce) “Aaaahhhh….!!!!!” (Si illumina) “Perché ti nu tie….”

52 – FORTUNATO – (L’interrompe: categorico) “NU…!!!!!”

53 – SERAFIN – (Cerca di ribadire) “Alantun tie….”

54 – FORTUNATO – (L’interrompe nuovamente: drastico) “SCI….!!!!!”

55 – SERAFIN – (Non vede dove sia il dramma) “E ben…?!?!?” (Obbietta) “E udii che gh’anei in-

semme….” (Prova a proporre) “Un u s’infia da na parte….” (Spiega mimando con le mani) “…un da l’atra…” (Allarga le braccia: con scontata ovvietà) “E ve vedei feua doppu a partia, nu….?!?!?”

6

56 – FORTUNATO – (Scatta come una molla) “Ma figurite…!!!!” (Spara a tutta voce: si alza di scatto) “In discursu du genere cun a Chiara….?!?!?” (Obbietta muovendosi a larghi passi lungo la scena) “Nu l’è mancu da pensalu….!!!!” (Si blocca, si gira verso Serafin: agitando convulsamente le braccia) “A primma cosa ca m’ha dumandou a primma otta che semmu sciortii insemme l’è pe chi fava u tifu…” (Alza le braccia e il viso al cielo: agitandosi ancora) “E menu male che m’aiven avisou e g’ho ditu che u balun u nu m’interessa ciù de tantu…!!!!” (Ricomincia a passeggiare) “In-



vasaa cumma l’è …” (Si riavvicina al tavolino) “Attru che donne e champagne doppu a partia…” (Risedendosi, drastico) “Sun pippe e gazeu pe u restu di mee giurni…!!!!”

57 – SERAFIN – (Dolente) “Ou beleu, Fortunato….aggi pasiensa…!!” (Si scusa) “Nu credeivu ca fisse persa fin-a a stu puntu…!!” (Fa spallucce) “E poi…” (Prosegue) “…pensavu ti fisci genoano ti a scì…!!!”

58 – FORTUNATO – (Sobbalza) “NU…!!!” (Obbietta piccato) “Mi sun tifusu du Ssssss….”
In quel preciso momento, da sinistra, rifà il suo ingresso in scena Chiara.
59 – CHIARA – (Rientra da sinistra: vede Fortunato che discute con Serafin e si ferma sull’ingres-

so, interessata ai loro discorsi)

60 – FORTUNATO – (Vede Chiara, si blocca) “Du Ssssss…” (Riprende imbarazzatissimo, consa-



pevole di essere stato sentito da Chiara fino a quel punto. Deglutisce pesantemente: quasi come se si costringesse a parlare) “Savun-a…..”

61 – CHIARA – (Ha sentito le sue precedenti parole: lo guarda interdetta prima e feroce poi. Si ri-



lassa: stupitissima) “E che novità è questa…?!?!?” (Si avvicina a Fortunato, gli schiocca un bacio su una guancia) “E perché non me lo hai mai detto…?!?!?”

62 – FORTUNATO – (Ricambia il bacio. Con un sorriso ebete) “O, ninte Chiara…” (Cerca una



spiegazione plausibile) “A l’è…” (Cerca una scusa plausibile) “A l’eeeeeee….” (S’illumina) “Na tradisiun de famiggia….!!” (Butta li: convinto) “Mee nonnu u l’ea originariu de Noli…!!”

63 – CHIARA – (Fa spallucce) “Oddio…” (Commenta greve) “Non è che con i ciccioli ci siano quei grandi rapporti, eh…!!!” (Agita il dito con aria di rimprovero) “Però…” (Conclude decisa) “Sempre meglio il Savona che quell’altra squadra di gabibbi di mio padre…!!”

64 – FORTUNATO – (Si alza) “Chiara….” (Le cinge amorevolmente le spalle) “…tiu see che mi u balun nu l’è che….”

65 – CHIARA – (Si appoggia ammiccante su di lui) “Lo so…lo so che non hai mai visto una partita

…” (Trasale: si stacca, lo guarda malissimo. Truce) “Ouh, però quando saremo sposati, l’abbona-

mento e le trasferte più importanti del Genoa…. bisogna farli, eh…!!!”

66 – SERAFIN – (Sobbalza trattenendo a stento una fragorosa risata. Poi, allungando il bicchiere verso Chiara e Fortunato, ilare) “Salute…!!!!!” (Beve un lungo sorso: poi, alla platea, sornione, a mezza voce) “Tantu perché segge ceu chi l’è che porta e braghe…!!!!”
In quel momento, da sinistra, rifanno il loro ingresso in scena Giuanin e Marilena: stanno litigan-

do furiosamente.
67 – GIUANIN – (Rientra per primo a larghi passi ed è decisamente inferocito: voltandosi verso Marilena, che lo segue da vicino, deciso, a tutta voce) “Ma nu ghe pensu mancu, se…!!”

68 – MARILENA – (Lo segue a breve: Si blocca un passo oltre l’ingresso: a muso duro e braccia conserte) “Cumme saieiva a dii….” (Abbaia quasi: lo scimmiotta) “…nu ghe pensu mancu…?!?!?”

69 – GIUANIN – (Si blocca di colpo a centro scena: a Marilena, girandosi di scatto) “Saieiva a dii che nu me vegne mancu in mente de perde…” (Solenne, alzando un dito al cielo) “U DERBY…” (Sottolinea le parole alzando il tono della voce. Perentorio, mulinando il dito ) “E CHE derby…” (Enfatizza ancora. Poi, con lieve disprezzo nella voce) “…sulu che pe duvei reze u panee….” (Cam

bia tono: venefico) “…a l’Osvalda…prescidente da cunfraternita de Santa Benarda…!!!”

7

70 – MARILENA – (Avanzando con passo lento ma deciso verso di lui) “Amia. Meza cicca…” (Fe



rocissima, agitandogli contro un dito accusatore) “Che a mamma quella carrega a se l’ha guagnaa cun u su-u da seu frunte, se…!!!!”

71 – CHIARA – (Che è rimasta a braccetto ad un desolato Fortunato) “La nonna…” (Interviene decisa) “…è una santa donna…!!”

71 – GIUANIN – (Di getto, a Chiara) “Euh…” (La rimbrotta secco) “…a l’ha l’aureola !!” (Poi, a Marilena, con falso stupore) “A sci…?!?!?” (La canzona) “A l’ha guagna cun u su-u da seu frunte….?!?!?” (Si batte platealmente una mano sulla fronte) “Tou li perché l’annu pasou a l’ha

fetu a bruncupulmunite…!!!!” (Sbotta con esagerata enfasi: dissacrante, sentenzia) “L’ha fetu reasiun u su-u cun l’aia freida ca g’ha in tu servellu…!!”

72 – MARILENA – (Con esagerata sorpresa) “Bellu San Pee…” (Comincia a implorare giungen-

do le mani e alzando anche lei platealmente lo sguardo al cielo) “Gieuxepin beneitu….!!”

73 – CHIARA – (Si stacca da Fortunato, fa un passo avanti: da man forte a Marilena) “Signore onnipotente…!!!”

74 – SERAFIN – (Si alza dal tavolino: con falsa enfasi) “Madonna a bun pattu e Santi de badda...!”

(Sbotta: si avvicina a Fortunato) “Nemmu mia…” (Lo apostrofa prendendolo sottobraccio) “..che chi me paa che aggen da dii u rusaiu…!!!”

75 – MARILENA – (Si gira verso Serafin, nota la presenza di Fortunato. Con enfasi ed un largo sorriso) “Ciao Fortunato…!!!”

76 – GIUANIN – (Si gira a sua volta verso Serafin e vede anche lui Fortunato: desolato, scuotendo la testa e indicando Chiara con un rapido cenno) “Ciau, desgrasiou…!!!”

77 – CHIARA – (Fa spallucce: a Giuanin, ponendosi impettita davanti a lui) “Papà, la mamma ha ragione…!!” (Sentenzia) “Non puoi lasciare sola la nonna in un giorno così importante per lei….!”

78 – MARILENA – (Riprende vigore) “A cunfraternita de Santa Benarda a l’è na cosa seria, se...!”

(Rampogna severamente Giuanin) “E u fetu che a mamma…dumenega…a l’agge l’investitua uffici

ale a prescidente u deve impine de orgogliu…!!”

79 – SERAFIN – (Si è fermato sempre con Fortunato sottobraccio ad un passo dall’uscita di destra

Scuote tristemente la testa, alza leggermente lo sguardo al cielo imprecando a messa voce, poi, a Chiara e Marilena) “Scuzei n’attimu, eh…!!” (Richiama la loro attenzione) “Ma se nu peu cumpa-

gnala Giuanin…a seuxua…” (Con scontata ovvietà) “Perché nu ghe l’acumpagnei viatri a ‘sta ceri-

monia, dumenega…?!?!”

80 – CHIARA e MARILENA – (Si girano di scatto verso Serafin: contemporaneamente) “E si…” (Sbottano decise: allungando ancora contemporaneamente un braccio verso di lui) “C’è il derby

…!!!”

81 – GIUANIN – (Canzonandole) “E u so ben che gh’è u derby, vanni…!!”



82 – SERAFIN – (Con assoluto stupore) “E ben…” (Obbietta) “…se gh’è u derby…?!?!?”

83 – MARILENA – (Trasale) “Serafin, foscia nu tie capiu…” (Scatta feroce verso di lui) “Niatre...”



(Si indica) “…au zena…” (Solenne, con immenso orgoglio) “…gh’emmu l’abunamentu…!!”

84 – GIUANIN – (Drastico) “Tutte palanche cacee via…!!!” (Sentenzia: poi a Serafin, serio) “Sera

fin…” (Ne richiama l’attenzione) “…a ‘ste due chi bezeugna che ghe tagge i fundi…” (Categorico) “Catten de belinate…!!!”

85 – CHIARA – (Scrolla le spalle) “Oh…” (Replica acida a Giuanin) “Sei furbo tu che sei andato a farti cavare un litro di sangue…” (Imita il gesto di tagliarsi platealmente le vene di un polso) “..per comprare un biglietto per i cessi pubblici…!!”

86 – GIUANIN – (A Chiara, agitando convulsamente le mani) “Amia beroda…” (La apostrofa ma-

lamente) “..che a gradinata sud u l’è in cheu cu batte, attru che micce…!!!” (Sbotta con enfasi ) “E se te interessa…” (Aggiunge con fervore) “…u bigettu me l’ha procurou u mee amigu Leonardo In-

vasato…responsabile du tifu organizzato blucerchiato…!!!”

87 – MARILENA – (Venefica, con una smorfia di profondo disgusto) “Che da bravu blucerchiato u l’è de Taranto…!!”

8

88 – GIUANIN – (Non la degna) “Indi per cui e onde per la quale…” (Prosegue imperterrito) “Se-



mai ghe l’acumpagnee viatre l’Osvalda a resise a Benarda….” (Sbotta) “MI…” (Si indica, sottoli-

neando la parola alzando il tono della voce: categorico, partendo poi e uscendo a grandi passi da destra, con un gesto perentorio) “…nu sens’atru…!!!!”

89 – MARILENA – (Trasale nuovamente) “A bruttu mustaciollu…!!!!” (Sbotta a sua volta: parten



do di gran carriera e uscendo a sua volta da destra agitando minacciosamente un braccio) “Cum-

me ti te permetti de insultaa teu seuxua ca t’ha permissu de spuzaa ‘na donna cumme mie….!!!!!”

90 – CHIARA – (A sua volta, perentoria) “Giusto…!!!!” (Sbotta: partendo anche lei di gran carrie

ra verso l’uscita di destra) “E come ti permetti di insultare una squadra come il Genoa che ha fatto più di cent’anni di…” (Si blocca : torna sui suoi passi. Ancora perentoria, a Fortunato) “Tu…” (Lo apostrofa categorica) “Stai fermo qui…che poi arrivo…!!” (Riprendendo la sua marcia e u-

scendo a sua volta da sinistra) “’Una squadra che ha fatto più di cent’anni di storia del calcio in Ita-

lia….!!!!”


La scena rimane ferma qualche istante con Fortunato che guarda allibito uno sconsolato Serafin. Poi è proprio Fortunato a riprendersi per primo.
91 – FORTUNATO – (A Serafin, desolato) “Eccu…tie vistu…?!?!?” (Poi, concitato) “Cumme fas-

su mi a dichiarame cumme tifusu de….”

92 – SERAFIN – (Lo interrompe) “Fortunato…!”

93 – FORTUNATO – (Si blocca a sua volta: a Serafin, sorpreso) “Sci…?!?!?”

94 – SERAFIN – (Sornione, riprendendolo sottobraccio) “Tie segu-u che quande teu pue u t’ha de-

nunsiou a l’anagrafe…” (Fa una breve pausa: con espressione di vago sospetto) “Nu t’aggen sba-

gliou u numme ….?!?!?”

95 – FORTUNATO – (Non capisce: con stupore) “Cumme scuza…?!?!?”

96 – SERAFIN – (Con noncuranza) “Ooooo….ninte, ninte…!!” (Poi, muovendo verso l’uscita di destra e portando con se Fortunato) “Nemmu va…” (Lo esorta bonariamente: prima di uscire da destra, sconsolato) “….che l’e meggiu…!!!”
La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra rifà il suo ingresso in scena Giuanin in compagnia di Beatrice.
97 – GIUANIN – (Rientra da destra SORREGGENDO Beatrice) “Curaggiu, scignua…” (Cerca di confortarla) “…che anemmu a setase, eh…!!”

98 – BEATRICE – (Entra da destra SORRETTA da GIUANIN: è una donna sulla quarantina, anco



ra decisamente piacente. E’ completamente vestita di nero, con una lunga gonna che le arriva qua-

si fino ai piedi e un fazzoletto nero in testa. Zoppica vistosamente e si lamenta con voce stridula e tono sofferente) “Che dolore….” (Ansima quasi con marcato accento siciliano) “Che doloooore…!!

99 – GIUANIN – (Avanza sorreggendola fino a centro scena) “Sciu….sciu…” (La esorta: l’accom



pagna al tavolino, l’aiuta a sedersi su una delle due poltrone) “Che oua passa tuttu, eh…!!”

100 – BEATRICE – (Si siede: con voce tranquilla e un timido sorriso) “Grazie assai…!!” (Ripren-



de immediatamente l’espressione sofferente di prima) “Che dolore…” (Ulula quasi nuovamente) “Che doloooore….!!!!”

101 – GIUANIN – (Non riesce a celare un qual certo imbarazzo) “Va ben, ma….” (Non sa che dire) “…cose puemmu faa…?!?!?” (Non riceve risposta, solo smorfie di sofferenza. Si guarda in giro: in ambasce) “Ghe daggu quarcosa…??” (Chiede chinandosi leggermente verso Beatrice) “Nu so….” (Prova a offrire) “In cogna…in rapin…” (S’illumina) “In gottu d’egua…?!?!”

102 – BEATRICE – (Solleva appena lo sguardo verso di lui) “Se non è troppo disturbo…” (Repli-

ca con sofferenza) “…un goccio d’acqua, grazie…!!!”

103 – GIUANIN – (S’illumina nuovamente: con un largo sorriso) “Ma pe caitee…!!!” (Muove ver-

9

so l’uscita di sinistra) “Nisciun disturbu…” (La rassicura prima di uscire) “Ghe manchieiva…!!!”

104 – BEATRICE – (Lo guarda uscire: cambia espressione. Fa una smorfia di soddisfazione, poi, riprendendo l’espressione sofferta di prima, allungandosi all’indietro e mettendosi un braccio sulla fronte, a gran voce per essere sentita) “Che dolore….” (Ripete ancora) “Che dolooooore…..!!!!”

105 – GIUANIN – (Rientra un attimo dopo da sinistra con un bicchiere d’acqua in mano) “Sun chi

scignua…” (La rassicura: va al tavolino, le porge il bicchiere) “Ca beive in poo che poi a vedia ca và meggiu…!!” 106 – BEATRICE – (Prende il bicchiere rivolgendogli ancora un timido sorriso) “Grazie…grazie assai…” (Beve un piccolo sorso: posando il bicchiere) “Gentilissimo ….!!”

107 – GIUANIN – (Le rivolge un sorriso compiaciuto. Poi, serio) “Ma cumme l’è sucessu….??” (Chiede) “Cumma l’ha fetu a cazze….?!?!?”

108 – BEATRICE – (Compunta) “Le scale salivo…” (Spiega) “Sul gradino scivolai….” (Si porta la mano sul ginocchio) “Il ginocchio battei….” (Riassume di colpo l’espressione di sofferenza di prima) “Che dolore….” (Ricomincia la litania) “Che doloooooreeee…..!!!!”

109 – GIUANIN – (Fa a sua volta una vistosa smorfia di sofferenza) “Aaahhhh….!!” (Geme appe-

na. Poi cerca di soccorrerla) “Ma sciu…a saià a botta….” (Prova a rassicurarla) “Ca me fasse in poo vei….” (Allunga le mani verso il ginocchio di Beatrice) “Se mai ghe metemmu in poo de gias-

su...”


110 – BEATRICE – (S’irrigidisce) “NO….!!!!” (Spara a tutta voce ritraendosi e bloccando Giua-

nin con le mani) “Le mie parti intime….solo il mio povero Calogero le vide…!!!”

111 – GIUANIN – (Trasale, si ritrae di scatto) “Parti intime….?!?!?” (Chiede meravigliato) “Beleu

ma…” (Obbietta: indicando il ginocchio) “U l’è sulu in zenuggiu, eh…!!”

112 – BEATRICE – (Categorica) “Sempre parte coperta iè…” (Si indica la gonna) “Solo il mio po-

vero Calogero la potè scoprire…!!”

113 – GIUANIN – (Realizza) “Povero Calo…” (Stupito) “Scignua, scia nu me digghe che scia l’è…

114 – BEATRICE – (Fa un cenno affermativo scostando all’indietro la testa) “Vedova sono…!!”

115 – GIUANIN – (Sorpreso e allibito) “O mue caa…!!!” (geme quasi: si siede sull’altra poltrona) “Cuscì zuena….!!” (Affranto, sporgendosi appena verso di lei) “E da quande…?!?!?”

116 – BEATRICE – (Afflitta, con voce bassa) “Sono ormai più di dieci anni che il mio povero Calo

gero…” (Tira di naso, scuote leggermente la testa: con un flebile gemito) “…non è più…!!!”

117 – GIUANIN - (Decisamente dispiaciuto) “Mamma mia…” (Mormora appena) “…cuscì zueni..

..!!” (Poi, a Beatrice, fatalista) “Quarche bruttu maa, imaginu…”

118 – BEATRICE – (Fa spallucce: secca) “No…” (Replica) “…lupara…!!”

119 – GIUANIN – (Trasale) “Lup…!!!” (Scatta in piedi) “L’han amasou…!!!” (Spara incredulo) “N’omicidiu…!!!!!”

120 – BEATRICE – (Decisa) “Noooo….!!!” (Lo corregge immediatamente) “…disgrazia fu…!!”

121 – GIUANIN – (Incredulo) “Disgrasia….?!?!?”

122 – BEATRICE – (Con un pallido sorriso) “Siiiii….!!!” (Spiega) “Correva in macchina sulla tan-

genziale Catania – Palermo…” (Allarga leggermente le braccia: con rassegnazione) “Si scontrò con un proiettile che viaggiava in senso contrario…!!!”

123 – GIUANIN – (Resta impietrito: con voce metallica e occhi sbarrati) “Ah…!!!”

124 – BEATRICE – (Con voce flebile e sguardo abbassato, prosegue il suo racconto) “Da allora…

mai più nessun uomo osò sfiorarmi nemmeno con un dito…!!”

125 – GIUANIN – (Allibito, alla platea, a mezza voce) “E te creddu….” (Commenta con sarcastica ovvietà) “Vistu a fin che l’ha fetu u primmu…!!!”

126 – BEATRICE – (Imperturbabile, continua il racconto) “Da allora, chiusa nel mio dolore rima-

si…” (Alza ancora leggermente lo sguardo su Giuanin) “Tant’è vero…” (Si indica) “…che ancora il lutto porto..”

127 – GIUANIN – (Si rianima) “Ma nu, ma…” (Prova ancora a consolarla) “Scia l’è zuena….” (Si siede nuovamente sulla poltrona accanto) “Scia g’ha ancun na vitta davanti…!!”

10

128 – BEATRICE – (Lo guarda serissima) “Anche questo….” (Fa spallucce) “…vero iè…” (Assu-



me un’espressione intensa) “Io…donna mediterranea sono…” (Si mette una mano sul petto: allun-

gandosi verso Giuanin CHE SI RITRAE D’ISTINTO) “Il fuoco dentro tengo…!” (Si ricompone: con voce sofferta) “Ma se un uomo ancora mi dovesse guardare…” (Fissa intensamente Giuanin negli occhi) “Forte…dolce….e deciso come il mio Calogero dovrà essere…!!!”

129 – GIUANIN – (A mezza voce, ancora alla platea) “E specialmente…” (Commenta di nuovo sarcastico) “…armou fin-a ai denti, me sa…!!!”


In quel momento, da destra, rifà il suo ingresso in scena Serafin.
130 – SERAFIN – (Rifà il suo ingresso in scena da destra: vede Beatrice, trasale) “O Segnuu…!!!” (Spara a tutta voce commentandone l’abbigliamento) “Mortisia Adams….!!!!!”

131 – GIUANIN – (Vede Serafin, s’illumina) “Serafin…!!!!” (Scatta verso di lui) “Vegni che te pre

sentu a scignua…!!!” (Lo prende per un braccio, lo porta verso il tavolino) “Questa a l’è a scignua..

….” (Non sa il suo nome. Rimane un attimo interdetto: si riprende subito. Indicandola a Serafin) “A vexin-a du cian de datu…!!!”

132 – SERAFIN – (Con un largo sorriso) “Piaxei, scignua…!!!” (Si presenta) “Mi sun Serafin….” (Allunga la mano verso di lei) “U vexin du cian de sutta…!!”

133 – BEATRICE – (Alza appena lo sguardo) “Piacere…Beatrice…” (Gli stringe fulmineamente la mano) “La vicina del piano di sotto…”

134 – GIUANIN – (Rimane un attimo imbambolato) “Oooohhh…Beatrice…!!” (Sospira) “Come la musa di Dante…!!!!”

135 – SERAFIN – (Fraintende) “A mus…?!?!?” (Biascica interdetto. Agguanta Giuanin per un braccio: con aria severa) “Giuanin, amia cu l’ea n’ommu …!!” (Lo rimbrotta a mezza voce. Poi, sempre serio) “E poi, insumma…” (Indica Beatrice) “…gh’è na scignua…!!!”

136 – GIUANIN – (Ha un’espressione dolente: a Serafin) “Pe piaxei…” (Lo rimbrotta a sua volta con aria desolata) “…lascia perde…!!” (Si stacca da Serafin: a Beatrice, con un largo sorriso, ten-

dendo a sua volta la mano) “E mi sun Giuanin…” (Si presenta a sua volta: cerca una battuta scon-

tata) “U vexin du cian de mezzu…!! »

137 – BEATRICE – (Solleva appena lo sguardo : interdetta)  “Prego…?!?!?”

138 – GIUANIN – (Afferra al volo che non ha capito) “Giovannino…” (Traduce) “…in italian…”

139 – BEATRICE – (Solleva lo sguardo verso Giuanin: sognante) “Ooooohhh….Giovannino….” (Sospira) “Come il defunto fratello del mio povero Calogero…!!!”

140 – GIUANIN – (Trasale) “Mo…mortu anche le….?!?!?”

141 – BEATRICE – (Fatalista, allargando leggermente le braccia) “Eeeehhh…!!!”

142 – GIUANIN – (D’istinto) “E de cos…” (Trasale nuovamente. Si blocca: allungando una mano verso Beatrice) “Nu…!!!!” (Spara categorico) “Nu l’euggiu savei…nu m’interessa…!!!”

143 – SERAFIN – (Agguanta Giuanin per un braccio, tirandolo leggermente in disparte: a mezza voce, preoccupato) “Senti in poo…” (Lo apostrofa) “Tie diventou tuttu scemmu….????”

144 – GIUANIN – (Drastico) “Nu….” (Sentenzia: staccandosi da Serafin) “Ma rischiu de diventa-

lu fitu …!!”

145 – SERAFIN – (Fra se, perplesso) “Boh…chi g’acapisce l’è brau…!!!”
Giuanin rivolge nuovamente le sue attenzioni a Beatrice che, in quel momento, si alza.
146 – BEATRICE – (Si alza dalla poltroncina: a Giovanni) “Grazie, signor Giovannino…!!” (Lo apostrofa con fare sornione. Avvicinandosi) “Un poco meglio mi sento…” (Gli dispensa un pallido sorriso) “Adesso….penso che posso rientrare…” (Con fare pudico, alzando appena una mano verso le labbra) “Troppo disturbo vi diedi…!”
11

147 – GIUANIN – (La guarda fisso: riesce appena a mormorare) “Maaaa….” (Si guarda in giro imbarazzatissimo per un breve momento, poi si riprende) “Ma nuuuu….!!!” (Replica con ostentata



ovvietà) “Ma ghe manchieiva….!!!!” (Sottolinea a gran voce. Serio) “Se nu se demmu na man fra vexin…” (Rivolto a Serafin, con un sorriso esagerato) “Nu è vea…?!?!?”

148 – SERAFIN – (Abbozza: con falsa convinzione) “Euhhh…!!!” (Sarcastico) “De otte anche due.

…!!!!”

149 – BEATRICE – (Si avvia lentamente, sempre leggermente claudicante, verso l’uscita di destra



) “Arrivederci, signor Giovannino…” (Gli rivolge un sorriso sornione) “E grazie nuovamente per tutto il disturbo che vi siete dato per me….!!”

150 – GIUANIN – (Inorgoglito) “Ma figuremuse….ca nuu digghe mancu…!!!” (Si lancia in profer



te) “Ansi…” (Aggiunge) “Se scia l’ha de bezeugnu de quarcosa….” (Si indica: con fare rassicuran-

te) “…mi sun chi, eh…!!!!”

151 – BEATRICE – (Si schernisce) “Oooohhhh…..grazie….” (Ribatte) “Grazie mille…!!!” (Si av-



via verso l’uscita di destra con passo lento e un po’ incerto. Si ferma, si volta nuovamente verso Giuanin che la guarda imbambolato) “Troppo gentile…troppo gentile….” (Ribadisce con un inchi-

no appena accennato. Poi, uscendo da destra, a voce alta ma quasi parlando a se stessa) “Buono…

gentile…forte…deciso…il mio povero Calogero mi ricorda…!!!”


Giuanin rimane fermo a guardarla uscire con un sorriso ebete sulle labbra, Serafin invece la osserva sornione con una smorfia di dubbio sul viso.

Poi, dopo un attimo, è Serafin che rompe il ghiaccio.
152 – GIUANIN – (Si volta verso l’amico) “Beleu, Giuanin…” (Lo apostrofa ilare) “…femmu cunquiste, eh….!!!” (Non ottiene risposta: nota che l’amico è rimasto fermo, bloccato, con un sorri

so ebete dipinto sul viso. Gli si avvicina: preoccupato) “Giuanin…” (Chiede) “…ti te senti ben…?!

153 – GIUANIN – (Gli elargisce un sorriso ebete) “Signor Giovannino….” (Mormora appena con voce sognante) “Signor Giovannino….!!”

154 – SERAFIN – (Trasale) “O Segnuu cau….” (Commenta fra se ad alta voce: indicando Giuani

n) “U l’è anetu feua de boccia…!!”

155 – GIUANIN – (Si rianima: aggredisce quasi Serafin) “Tie capiu…?!?!?” (Lo scuote quasi con violenza: a gran voce) “TIE CAPIU….?!?!?”

156 – SERAFIN – (Si stacca da Giuanin) “Sci…va ben…” (Continua ad ondeggiare avanti – indie

tro ancora qualche attimo) “Ma carmite…!!!!!” (Spara a sua volta a gran voce: allarga le braccia, desolato) “Nu sun n’eu da zabaiun…!!!!”

157 – GIUANIN – (Decisamente estasiato) “A m’ha ciamou….signor Giovannino…!!!” (Spara en-



tusiasta. Allarga le braccia: estasiato) “L’ea na vitta che nisciun me ciamava ciù Signor Giovanni-

no…!!!”


158 – SERAFIN – (Si ricompone) “Va ben, ma cau…” (Apostrofa Giuanin) “…nu stattene a faa iluxiuin…” (Muove pollice e indice della mano come per dire – non c’è più niente da fare -) “….

che ormai…!!”

159 – GIUANIN – (Non lo considera) “U l’è in seunnu…” (Sospira mistico) “…u l’è in seunnu…!”

160 – SERAFIN – (Caustico) “Apuntu..!!” (Prova a richiamarlo alla realtà) “Atentu che poi ti t’a-

desci suou…!!” (Poi, perplesso) “A prupoxitu…” (Chiede) “Cosa l’è quella storia du defuntu free du poviu Calogeru…?!?!?”

161 – GIUANIN – (Gli sorride sornione) “Tsè…” (Fa spallucce) “Se taa cuntu…nu ti ghe creddi…

…!!” (Si avvicina a Serafin, lo, prende sottobraccio) “Ti devi savei che…” (Si blocca tornando bru

scadente alla realtà) “Nu…!” (Sentenzia guardando l’espressione incredula di Serafin) “L’è megiu che nu ti ne sacci ninte, mia…!!!” (Si stacca da Serafin , ritorna verso il tavolino) “Comunque, cred

dime….” (Ribadisce sospirante) “U l’è in seunnu, Serafin….u l’è in seunnu…!!!”


12

In quel momento, da fuori a destra, si sentono le voci di Marilena e Chiara che stanno per rientrare in scena)

162 – MARILENA e CHIARA – (DA FUORI A DESTRA, cantando a squarciagola) “Aprite…le porte…che passano…che passano….!!!”

163 – SERAFIN – (Desolato) “E stu chi…” (Muove a sua volta verso il tavolino: indicando l’uscita di destra) “…è il triste richiamo alla realtà…!!!!”
Serafin fa appena in tempo ad arrivare al tavolino quando, da destra, sempre cantando a squarcia-

gola, rifanno il loro ingresso in scena Marilena e Chiara
164 – MARILENA e CHIARA – (Rientrano in scena da destra, ancora bardate di vessilli rosso

blù. Tenendosi a braccetto e cantando a squarciagola) “Aprite…le porte…che passano…che passa

no..”(Marciano fino al tavolino: si fermano di fronte a Giuanin, si staccano l’ una dall’altra. Con aria trionfale) “I rossoblù…..!!!!”

165 – GIUANIN – (Le guarda mestamente, ha un moto di schifo) “Serafin…” (Si rivolge all’amico

) “Pecou che i rossoblu nu passen mai l’unica cosa che duvieiven…!!”

166 – CHIARA – (Piccata, a Giuanin) “E cosa sarebbe…?!?!?”

167 – GIUANIN – (Categorico) “A porta…!!!” (Spara a gran voce: poi, sornione) “Definitivamen-

te…!!!”


168 – MARILENA – (Fa spallucce) “Figurite in poo da che purpitu ariva a predica…!!” (Lo apo-

strofa acida. Poi, senza dargli il tempo di ribattere) “Alua l’è decisu…!!” (Lo apostrofa perentoria

) !L’apuntamentu u l’è pe dumenega a due e meza….” (Comincia a dettare ordini al trafelato Giua

nin che la guarda sbigottito) “…davanti au dommu de Caignan…!” (Fa una brevissima pausa: Poi, ancora anticipando il povero Giuanin che vorrebbe replicare) “Da lì a-a Giexa da confraternita de Santa Benarda g’hè ciù o menu mez’ua de straa….l’apuntamentu u l’è pe tree e meza…” (Perento-

ria) “Duvieisci arivaghe cun largu anticipu…!” (Giuanin vorrebbe ancora replicare ma Marilena non gliene lascia il tempo) “Me racumandu de esse puntuale perché a tree ue gh’è a partia e ee stree diventen in casottu….” (Altra brevissima pausa e altro tentativo di replica di Giuanin immediata-

mente frustrato da Marilena) “E stanni atentu che a mamma a nu pigge troppu suu perché ti see che de ‘sta stagiun u ghe fa maa…” (Fa spallucce) “Nu orieiva che pe curpa teu…” (Lo apostrofa con vago disprezzo) “….lunedì a fisse in lettu cun a freve…!!!” (Ancora un a breve pausa. Marilena questa volta Marilena aspetta un intervento di Giuanin che però rimane basito, senza la forza di controbattere.) “Alua….” (Gli ringhia quasi addosso) “…tie capiu…?!?!?!”

169 – GIUANIN – (Si riprende) “Eeeeeuuuuhhhhh…..!!!!!!” (Ribatte ilare con un ampio gesto del braccio) “Sulu che…” (Questa volta è Giuanin che batte sul tempo Marilena che vorrebbe replica-



re: gli mette sorninone due dita a mo di scatola sotto il naso) “…gh’è in piculiscimu particolare..!!”

(Veeemente, quasi sillabando le parole) “MI….DUMENEGA…A TREE UE…” (Mima quasi le pa

role con ampi gesti delle mani e delle braccia) “….SUN AU STADIU…!!!!!” (Fa una breve pausa

Mimando ancora la parola con gesti delle mani, a tutta voce) “GRADINATA SUD….!!!!!!!”

170 – MARILENA – (Lo guarda sornione: con un sorriso beffardo) “E nu, bellu u mee gabibbu...!”



(Lo apostrofa feroce) “Nu ne saieiva miga cuscì segu-u, se…!!”

171 – GIUANIN – (Piccato, a muso duro) “E perché mai….sentimmu in poo…?!?!?”

172 – MARILENA – (Con falsa noncuranza) “Dumenega l’atra, poi…gh’è a festa di alpini, vea…?

173 – GIUANIN – (Trasale: feroce) “E ben…?!?!?”

174 – MARILENA – (Sorniona) “E u bigettu du trenu pe anaghe te l’ho pigiou mi…” (Rafforzando le parole alzando il tono della voce) “E GHE L’HO ANCUN MI….VEA….?!?!?!?”

175 – GIUANIN – (Desolato) “O San Pee cau…!!!”

176 – MARILENA – (Venefica) “Ti te l’aivi ascordou, vea…?!?!?” (Fa una pausa senza che Giua-
13

nin riesca a profferire verbo) “Oua ben…!!” (Riprende decisa) “Oriaa di che se ti nu ti acumpagni a mamma ‘sta dumenaga chi a l’insediamentu a Santa Benarda…” (Muove verso di lui: acidissima quasi soffiandogli in faccia) “….u bigettu u finisce in te tanti menissi…” (Mima con le dita un co-

riandolo) “…picin…picin…picin…picin…” (Poi, ancora ringhiando) “E ti a-a festa di Alpini…” (Lo scimmiotta mimando con le braccia in maniera scomposta le parole) “…nu ti…ghe vee…!!!”

177 – GIUANIN – (Rimane un lungo attimo in silenzio) “Ma porca…!!!” (Sacramenta fra se. Poi, a Marilena) “Ma nu possu acumpagnaghela….” (Prova a obbiettare) “….sun senza machina…” (Allarga le braccia) “Tiu see ben che nu guiddu…” (Con scontata ovvietà) “…nu g’ho mancu a patente…!!”

178 – CHIARA – (Che ha seguito sorniona tutta la scena, prontamente) “O beh…semmai prendete

l’autobus…” (Spalanca le braccia: con scontata ovvietà) “Passa proprio di li…!!”

179 – GIUANIN – (Prontamente) “E braa…!!” (Ribatte con forza) “Ancia cumma l'è…” (Apostro

fa Chiara dirigendosi verso di lei) “Sa me cazze…pe isala gh’eu Vernassa cun a grù...”

180 – MARILENA – (Alle sue spalle, con altrettanta ovvietà) “Ve pigei in tassì…!!”

181 – GIUANIN – (Si gira di scatto: come morso da una tarantola) “E braa…!!!!” (Scatta verso Marilena) “Pigheuggia cumme l’è teu mue me tucca ancun pagalu MI…” (Si indica rafforzando la parola alzando il tono della voce) “…e me sentu ancun dii che cacciu via e palanche…!!” (Si volta, muovendo verso il tavolino e facendo ampi cenni di diniego con un dito e con la testa) “Nu…nu…

nu…nu….!!”

182 – SERAFIN – (Candidamente, per cercare di mettere pace, a Giuanin) “Nu ti peu fateghe a-

cumpagnaa….?!?!?”

183 – GIUANIN – (Scatta verso di lui. Furente, invitandolo a tacere) “Ssssccccctttttt…..!!!!!!!!!”

184 – MARILENA – (Concorda con Serafin) “Giustu…!!”

185 – CHIARA – (Ribadisce il concetto) “Eeehh…!!!”

186 – GIUANIN – (Rimane un attimo a pensare, guardando torvo Giuanin. Poi s’illumina: giran-



dosi di scatto, con un sorriso beffardo) “E da chi….?!?!?”

187 – MARILENA – (E’ colta in contropiede) “Eeeeee….”

188 – CHIARA – (anche lei non sa cosa rispondere) “Daaaaa….”
In quel mentre, da destra, fa il suo ingresso in scena Fortunato.
189 – FORTUNATO – (Fa il suo ingresso in scena da destra: angelico) “Bungiurnu a tutti, eh…!!”

190 – CHIARA – (Lo vede, si illumina. A tutta voce, indicandolo) “Da lui….!!!!!”

191 – FORTUNATO – (Trasale) “Da mi…” (Con preoccupata meraviglia) “…cose…?!?!?!”

192 – CHIARA – (Scatta su Fortunato) “Ooooo…niente niente…!!!” (Lo rassicura con un largo sorriso. Lo prende sottobraccio) “Solo un favore….” (Lo rabbonisce) “…un piccolo favore…!!!”

193 – MARILENA – (Si avvicina a sua volta) “Sci…sci…” (Lo ammansisce: lo prende sottobrac-

cio a sua volta dall’altra parte) “Fortunato….puemmu prufitaa de ti, vea…?!?!?”

194 – FORTUNATO – (In sommo imbarazzo) “Marilena, mi….” (Riesce a dire a malapena) “Scia u sa che….”

195 – CHIARA – (Lo stoppa) “Oooooo, Fortunato…” (Si stringe a lui) “Sei tanto caro…!!!” (Gli schiocca un bacio su una guancia: poi, voltandosi per uscire a sinistra) “Vieni di la che io e la mamma ti spieghiamo…!!”

196 – CHIARA e MARILENA – (Partono trascinando con loro quasi a forza un trafelato Fortuna



to: uscendo a sinistra, cantando a squarciagola) “Coi pantaloni rossi….e la maglietta blu…è il sim

bolo del Genoa….la nostra gioventù…!!!!”

197 – GIUANIN – (Li guarda uscire: a Fortunato, livido di rabbia) “Vendu-u au nemigu…!!!!” (Poi, a Serafin, con ira) “E ti nu rie, se…” (Lo minaccia quasi) “Tie ti che ti gh’ee detu l’idea…!!” (Poi, avvicinandosi a Serafin che non riesce ne a replicare ne a trattenere moti di ilarità) “Uei a
14

guera….?!?!?” (Esclama feroce) “E guerra sia….!!!!” (Poi, agitando furioso un dito sotto il naso di un sempre più ridanciano Serafin) “Mi…dumenega a tree ue…” (Grida con forza) “…sun au stadiu

….te l’asegu-u…!!”

198 – SERAFIN – (ha perso ogni ritegno) “Giuanin…” (Lo apostrofa ormai in preda al riso) “…se nu ti t’acarmi dumenega tie a San Martin cun n’infartu…!!!” (Perentorio) “E primma de tree ue…” (Lo canzona) “Te l’assegu-u….!!!!”

199 – GIUANIN – (Non lo considera: imperterrito) “Au stadiu a vedde a mittica Sandoia ca gua

gna u scudettu e a butta in serie B quella manega de macaruin da broddu…!!!” (Con stizza, a Giua



nin) “Gradinata Sud….!!!!!!” (Partendo poi a sua volta e uscendo da destra, lasciando Serafin a ridere sguaiatamente e a riservargli ampi cenni di commiserazione, cantando a squarciagola) “O mama mama mama…o mama mama mama…sai…perché…me batte il corason…Ho visto la Sampdoria…ho visto la Sampdoria…e…mammà…innamorato son…!!!!!”
- S I P A R I O -


Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©anasahife.org 2016
rəhbərliyinə müraciət